NUTRIZIONE
a cura di Giorgio Calabrese, medico specializzato in Scienza dell’Alimentazione
NUTRIZIONE
a cura di Giorgio Calabrese, medico specializzato in Scienza dell’Alimentazione
L’olio Evo contro l’Alzheimer
5 Giugno 2020 L’olio Evo previene la gastrite
4 Giugno 2020 Olio d’oliva e cuore
20 Maggio 2020 Olio d’oliva e cervello
13 Maggio 2020 Olio Evo: un alleato nella lotta alle malattie non trasmissibili
6 Maggio 2020 L’olio Evo fa bene alla pelle
8 Aprile 2020 Perché usare olio extravergine d’oliva
2 Marzo 2020 Extravergine e cervello
16 Gennaio 2020 Garanzia della qualità
Extravergine e cucina
20 Dicembre 2019 Perché l’olio Evo fa bene?
13 Dicembre 2019 Olio extravergine di oliva emblema della dieta mediterranea
5 Dicembre 2019 OLIO EVO – Il tesoro del Mediterraneo

3 Giugno 2020

L’olio Evo contro l’Alzheimer


Alcuni ricercatori italiani dell’Università di Firenze hanno scoperto che i polifenoli dell’olio extravergine d’oliva possono prevenire o ritardare la comparsa del morbo di Alzheimer. 

Per avallare questo studio – pubblicato sulla rivista scientifica PLOS One – per otto settimane consecutive è stata somministrata a dei modelli murini di malattia Alzheimer (ovvero a delle cavie che fungono da modelli per il morbo), l’oleuropeina aglicone, il principale polifenolo dell’olio Evo.

I risultati hanno mostrato che l’integrazione dietetica di oleuropeina aglicone ha migliorato notevolmente le prestazioni cognitive dei topi rispetto al gruppo a cui non è stata fatta tale somministrazione.

Gli scienziati hanno anche condotto test sulla memoria e notato che, nella cavia da laboratorio coinvolta nella ricerca, la compromissione cognitiva è stata prevenuta dalla somministrazione di oleuropeina aglicone

Sebbene non sia la prima volta che si pensa che l’olio d’oliva e la dieta mediterranea proteggano dall’Alzheimer, questa ricerca aggiunge l’ulteriore prova che – almeno in parte, – questi benefici possono essere ricondotti all’assunzione di olio extra vergine di oliva e al suo principale polifenolo, l’oleuropeina aglicone

I ricercatori hanno concluso che i loro risultati supportano la possibilità che l’integrazione dietetica con olio extra vergine di oliva possa prevenire o ritardare l’insorgenza della malattia di Alzheimer e ridurre la gravità dei suoi sintomi.

Giorgio Calabrese – medico specializzato in Scienza dell’Alimentazione

3 Giugno 2020

L’olio Evo contro l’Alzheimer


Alcuni ricercatori italiani dell’Università di Firenze hanno scoperto che i polifenoli dell’olio extravergine d’oliva possono prevenire o ritardare la comparsa del morbo di Alzheimer. 

Per avallare questo studio – pubblicato sulla rivista scientifica PLOS One – per otto settimane consecutive è stata somministrata a dei modelli murini di malattia Alzheimer (ovvero a delle cavie che fungono da modelli per il morbo), l’oleuropeina aglicone, il principale polifenolo dell’olio Evo.

I risultati hanno mostrato che l’integrazione dietetica di oleuropeina aglicone ha migliorato notevolmente le prestazioni cognitive dei topi rispetto al gruppo a cui non è stata fatta tale somministrazione.

Gli scienziati hanno anche condotto test sulla memoria e notato che, nella cavia da laboratorio coinvolta nella ricerca, la compromissione cognitiva è stata prevenuta dalla somministrazione di oleuropeina aglicone

Sebbene non sia la prima volta che si pensa che l’olio d’oliva e la dieta mediterranea proteggano dall’Alzheimer, questa ricerca aggiunge l’ulteriore prova che – almeno in parte, – questi benefici possono essere ricondotti all’assunzione di olio extra vergine di oliva e al suo principale polifenolo, l’oleuropeina aglicone

I ricercatori hanno concluso che i loro risultati supportano la possibilità che l’integrazione dietetica con olio extra vergine di oliva possa prevenire o ritardare l’insorgenza della malattia di Alzheimer e ridurre la gravità dei suoi sintomi.

Giorgio Calabrese – medico specializzato in Scienza dell’Alimentazione