NUTRIZIONE
a cura di Giorgio Calabrese, medico specializzato in Scienza dell’Alimentazione
NUTRIZIONE
a cura di Giorgio Calabrese, medico specializzato in Scienza dell’Alimentazione
Olio d’oliva e cervello
29 Settembre 2020 Extravergine d’oliva: un toccasana per il sistema nervoso
28 Settembre 2020 Gli effetti benefici dell’extravergine sull’esercizio fisico moderato
25 Settembre 2020 Olio Evo e sport
5 Giugno 2020 L’olio Evo previene la gastrite
4 Giugno 2020 Olio d’oliva e cuore
3 Giugno 2020 L’olio Evo contro l’Alzheimer
13 Maggio 2020 Olio Evo: un alleato nella lotta alle malattie non trasmissibili
6 Maggio 2020 L’olio Evo fa bene alla pelle
8 Aprile 2020 Perché usare olio extravergine d’oliva
2 Marzo 2020 Extravergine: buone notizie dalla ricerca
16 Gennaio 2020 Garanzia della qualità
Extravergine e cucina
20 Dicembre 2019 Perché l’olio Evo fa bene?
13 Dicembre 2019 Olio extravergine di oliva emblema della dieta mediterranea
5 Dicembre 2019 OLIO EVO – Il tesoro del Mediterraneo

20 Maggio 2020

Olio d’oliva e cervello


La dieta mediterranea rimane sempre il miglior modello alimentare per mantenersi in piena salute, specie in questo periodo di infezione da Coronavirus.

Seguendo questo regime, si consuma regolarmente frutta, verdura e latticini a basso contenuto di grassi, così come di alimenti integrali, pesce, pollame e noci. Ultimo ingrediente, non certo per importanza, è il nostro amato olio extravergine d’oliva (Evo), in sostituzione di oli vegetali e grassi animali, più usati nel Nord Italia e nel Nord Europa. 

L’Evo – come abbiamo detto tante volte – contiene molti antiossidanti e ha anche significative proprietà anti-infiammatorie e queste rappresentano le due caratteristiche più importanti degli alimenti “sani”. Se il corpo trae chiari benefici dal consumo di olio Evo, cosa dire del cervello

Un recente studio ha tentato di trovare delle risposte  sulle condizioni della sclerosi multipla nel cervello umano. Questa malattia è caratterizzata da un’infiammazione cerebrale che porta a numerosi cambiamenti degenerativi. Si ritiene che tale infiammazione, presente nei pazienti con sclerosi multipla, sia guidata da cambiamenti nel microbioma intestinale: in pratica, i detriti chimici rilasciati dai batteri migrano dall’intestino nel sangue e poi nel cervello. 

Il più dannoso di questi detriti batterici è chiamato lipopolisaccaride: nel cervello, nelle corde spinali e nel sangue delle persone con sclerosi multipla se ne registrano alti livelli.

L’olio Evo modifica il modo in cui il microbioma intestinale comunica con il cervello e i suoi effetti benefici sono probabilmente correlati alla presenza di idrossitirosolo (che è un polifenolo)e acido oleico(ricco di Omega 9, dalle grandi proprietà antinfiammatorie).

Un recente studio sull’extravergine d’oliva ha dimostrato che la sua somministrazione riduce significativamente il numero di sostanze chimiche dannose che possono causare lesioni ai tessuti e invecchiamento, in particolare del cervello. 

La somministrazione di olio d’oliva aumenta i livelli degli enzimi che forniscono protezione contro i danni ossidativi nel cervello e riduce anche le azioni negative rilasciate dai lipopolisaccaridi, batteri dell’intestino, riducendo il livello di infiammazione nel cervello. 

Si può quindi concludere affermando che il cervello trae molti benefici dall’aggiunta di Evo alla dieta e che questi benefici hanno la loro origine nella risposta ai cambiamenti apportati al microbioma intestinale. 

L’olio extravergine d’oliva dovrebbe dunque diventare sempre di più una parte importante della dieta.

Giorgio Calabrese – MEDICO DOCENTE  UNIV. DI ALIMENTAZIONE UMANA E DIETOTERAPIA

20 Maggio 2020

Olio d’oliva e cervello


La dieta mediterranea rimane sempre il miglior modello alimentare per mantenersi in piena salute, specie in questo periodo di infezione da Coronavirus.

Seguendo questo regime, si consuma regolarmente frutta, verdura e latticini a basso contenuto di grassi, così come di alimenti integrali, pesce, pollame e noci. Ultimo ingrediente, non certo per importanza, è il nostro amato olio extravergine d’oliva (Evo), in sostituzione di oli vegetali e grassi animali, più usati nel Nord Italia e nel Nord Europa. 

L’Evo – come abbiamo detto tante volte – contiene molti antiossidanti e ha anche significative proprietà anti-infiammatorie e queste rappresentano le due caratteristiche più importanti degli alimenti “sani”. Se il corpo trae chiari benefici dal consumo di olio Evo, cosa dire del cervello

Un recente studio ha tentato di trovare delle risposte  sulle condizioni della sclerosi multipla nel cervello umano. Questa malattia è caratterizzata da un’infiammazione cerebrale che porta a numerosi cambiamenti degenerativi. Si ritiene che tale infiammazione, presente nei pazienti con sclerosi multipla, sia guidata da cambiamenti nel microbioma intestinale: in pratica, i detriti chimici rilasciati dai batteri migrano dall’intestino nel sangue e poi nel cervello. 

Il più dannoso di questi detriti batterici è chiamato lipopolisaccaride: nel cervello, nelle corde spinali e nel sangue delle persone con sclerosi multipla se ne registrano alti livelli.

L’olio Evo modifica il modo in cui il microbioma intestinale comunica con il cervello e i suoi effetti benefici sono probabilmente correlati alla presenza di idrossitirosolo (che è un polifenolo)e acido oleico(ricco di Omega 9, dalle grandi proprietà antinfiammatorie).

Un recente studio sull’extravergine d’oliva ha dimostrato che la sua somministrazione riduce significativamente il numero di sostanze chimiche dannose che possono causare lesioni ai tessuti e invecchiamento, in particolare del cervello. 

La somministrazione di olio d’oliva aumenta i livelli degli enzimi che forniscono protezione contro i danni ossidativi nel cervello e riduce anche le azioni negative rilasciate dai lipopolisaccaridi, batteri dell’intestino, riducendo il livello di infiammazione nel cervello. 

Si può quindi concludere affermando che il cervello trae molti benefici dall’aggiunta di Evo alla dieta e che questi benefici hanno la loro origine nella risposta ai cambiamenti apportati al microbioma intestinale. 

L’olio extravergine d’oliva dovrebbe dunque diventare sempre di più una parte importante della dieta.

Giorgio Calabrese – MEDICO DOCENTE  UNIV. DI ALIMENTAZIONE UMANA E DIETOTERAPIA